Ecco alcuni rimedi per combattere l’orzaiolo

orzaiolo

L’orzaiolo può essere definito come un’infiammazione che colpisce le ghiandole sebacee posizionate alla base delle ciglia e può formarsi sia nella parte interna che esterna dell’occhio.

Tuttavia prima di illustrare alcuni utili rimedi naturali per combattere tale problema, è necessario fare una precisazione: anche se la tentazione è forte è fondamentale non toccare con le mani nude l’occhio colpito in quanto si rischia di proliferare l’infezione.

Detto questo ecco alcuni rimedi naturali:

Il rimedio più naturale è sicuramente l’impacco di camomilla in quanto ha un alto potere lenitivo. La camomilla si rivela un utile alleato per velocizzare il processo di guarigione.

Ecco la procedura da eseguire:

preparare una camomilla tiepida, prendere un batuffolo di cotone e immergerlo nel liquido. A questo punto occorre applicare il batuffolo sull’orzaiolo e tenerlo su per almeno 10 minuti. Ripetere la suddetta operazione ogni 4 ore fino alla scomparsa completa dell’orzaiolo.

Per ridurre l’infiammazione dell’orzaiolo è anche indicato l’olio extravergine d’oliva. Basta miscelare in un bicchiere acqua tiepida e olio d’oliva fino ad ottenere un’emulsione.
Prendere un bastoncino di cotone e immergerlo in questo infuso. Ungere la zona dell’orzaiolo facendo però attenzione a non far entrare nella parte interna dell’occhio tale composto.

A questo punto è consigliabile chiudere l’occhio per almeno 1 minuto. Per ottenere un buon risultato ripetere il suddetto trattamento almeno 2 volte al giorno.

Per ridurre sia l’arrossamento che l’infiammazione molto indicata è la Eufrasia. A questo riguardo prendere delle piante di eufrasia e lasciarle in infusione in mezzo litro di acqua bollente.

Lasciare raffreddare per mezz’ora e in seguito iniziare gli impacchi. E’ necessario ripetere l’operazione almeno due volte giorno.
Anche le foglie di menta possono rivelarsi davvero molto utili per combattere tale disagio.

Per quanto concerne l’alimentazione invece è necessario evitare per qualche giorno cibi che intossicano le mucose intestinali come ad esempio zucchero, carni rosse, melanzane, pomodori, insaccati.